Intervista alla digital-artist Jane Long

recolored-photos-dancing-with-costica-jane-long-8

Intervista a cura di Valentina Romano

Jane Long è una fotografa e digital-artist australiana che ha manipolato alcune vecchie foto rumene realizzate da Costică Acsinte durante e dopo la seconda guerra mondiale.

Jane rivela a The Golden Scope il processo di manipolazione che si cela dietro la sua collezione di foto intitolata “Dancing With Costică”. 

THE GOLDEN SCOPE A JANE LONG

Raccontaci qualcosa di te.

E’ da 20 anni che opero come graphic designer, ed ho iniziato a lavorare con Photoshop nel 1994. Ho sviluppato un interesse per la fotografia come estensione del mio lavoro di manipolazione delle foto personali, iniziando con la creazione di un mio stock di immagini e sviluppando, quindi, un amore per la fotografia in generale. Tuttavia l’arte digitale rimane una passione e costituisce parte integrante del mio lavoro di fotografia.

recolored-photos-dancing-with-costica-jane-long-5

Come è nato il tuo interesse per la fotografia?

Volevo un maggiore controllo sulle immagini che stavo usando, per essere in grado di creare una scena come volevo e di avere il controllo sul copyright. Poi ho avuto la fortuna di avere amici generosi che mi hanno prestato le loro macchine fotografiche e mi hanno chiesto di scattare foto per loro. Ho immortalato paesaggi e oggetti, gravidanze, foto di neonati e di animali. La mia passione resta comunque la manipolazione digitale, più che scattare le foto.

recolored-photos-dancing-with-costica-jane-long-3

Hai sempre pensato di fare la fotografa? Se no, che cosa sognavi di diventare quando eri bambina?

Volevo essere una cantante! Mio fratello mi aiutava ad organizzare concerti nel cortile di casa per i bambini locali! Comunque io non penso a me stessa come a una fotografa, cioè ho sufficiente esperienza per scattare belle immagini, ma non sono esperta come tanti altri. Accetto volentieri il termine “artista digitale” perché descrive meglio quello che faccio e di cui mi occupo.

recolored-photos-dancing-with-costica-jane-long-1

Come mai hai pensato di manipolare vecchie foto rumene dandogli un tocco moderno?

Stavo chiacchierando con un contadino locale, quando mi ha chiesto se avevo mai fatto lavori di restauro su vecchie foto. Così non appena sono tornata a casa ho deciso che avrei trovato delle immagini da ripristinare per poi fargliele vedere. Mentre cercavo sul web, ho trovato l’archivio di Costică Acsinte su Flickr e sono rimasta affascinata dalle immagini.

Ho subito scaricato la foto della coppia dove lei ha in mano un bouquet di fiori, e l’ho restaurata e ricolorata. Se notate, la coppia ha un’espressione molto seria, quindi ho pensato di dargli un immagine più felice e spensierata. Sono innamorati quindi dovrebbero essere felici!

recolored-photos-dancing-with-costica-jane-long-4

Qual è il procedimento tecnico che hai seguito quando hai manipolato le foto di Costică?

Per prima cosa ho pulito e ripristinato l’immagine originale: ho utilizzato il “pennello di ripristino” in un modo leggero e delicato, poi ho regolato il contrasto di colori, e ho sistemato le parti delle foto più gravemente danneggiate.

Per esempio ho dovuto “prelevare” delle chiazze di pelle da un’immagine completamente diversa e piazzarle sulle parti sbiadite delle foto di Costică. Sarebbe stato impossibile ripristinare l’originale senza prendere pezzi da altre foto.

recolored-photos-dancing-with-costica-jane-long-6

Quando ho lavorato sulla pelle, ho iniziato prima di tutto ad identificare le aree che avevano bisogno di modifiche. La maggior parte della colorazione è realizzata in due strati, un set di modalità colore e un insieme di luce soffusa. In aree difficili come i capelli, a volte ho anche utilizzato due set aggiuntivi di strati, uno che riguarda solo il colore e l’altro che colpisce solo le ombre.

Una volta che ho terminato con le persone, e sono stata soddisfatta della loro colorazione, allora ho iniziato a selezionare gli sfondi più adatti per la foto.

recolored-photos-dancing-with-costica-jane-long-7

Qual è la tua manipolazione preferita delle foto di “Ballando con Costică”?

Probabilmente “Innocence” (innocenza). La bambina nella foto mi colpì immediatamente non appena la vidi. Ci è voluto un po’ per sviluppare l’idea giusta per lei però devo dire che sono soddisfatta della manipolazione che ho attuato. Inizialmente non avevo programmato di includere il pesce, ma poi quando ho guardato la foto, mi sembrava troppo vuota e cosi ho aggiunto l’ampolla sulla sedia.

“Singalong” (cantando insieme) è anche tra le mie manipolazioni preferite. Avevo scattato le immagini degli scheletri mesi prima di manipolare le foto di Costică, e appena ho iniziato a manipolare quella del musicista, ho immediatamente pensato di aggiungere le immagini degli animali-scheletro.

10407424_564163727027929_226718821512399221_n

Se potessi descrivere la tua fotografia in quattro parole, quali sceglieresti?

Ambigua, introspettiva, ricca (come colori) e tranquilla!

 

Vorresti aggiungere qualcos’altro riguardo le foto manipolate o sulla tua fotografia in generale?

Vorrei che le persone dessero un doppio sguardo alle mie foto e che si chiedessero qual è la parte originale e quali sono gli elementi che io ho aggiunto.

10300211_561286803982288_9086881810337238373_n

Qual è il tuo consiglio per i lettori di The Golden Scope che utilizzano o desiderano utilizzare la manipolazione digitale?

Non esiste un metodo veloce, una scorciatoia, per creare manipolazioni digitali. Occorre stare sulle foto per ore prima di ottenerne una buona. Durante il processo di creazione e di sviluppo dello scatto, bisogna provare e riprovare i diversi elementi digitali prima di trovare quelli giusti per ciascuna foto.

Non bisogna forzare la mano e gli elementi che non funzionano, è preferibile mettere via la foto per un po’ e iniziare qualcos’altro, poi ritornare sull’immagine precedente. L’idea giusta arriverà alla fine, soprattutto se si tengono costantemente d’occhio, e si scattano foto di cose che ci circondano in termini di sfondi e oggetti di scena (negozi di antiquariato e musei sono perfetti per questo tipo di lavoro!).

10254994_554983001279335_4531330641027827204_n

Leggete e guardate quanti più tutorial potete. Anche l’utente più esperto di Photoshop prende spunti e trucchi di quà e di là. E’ anche il modo più semplice per rimanere aggiornati riguardo le continue evoluzioni del software.

È importantissimo anche creare un vostro archivio/stock d’immagini. Fotografate TUTTO! Ieri, ad esempio, ho realizzato circa 400 foto nell’acquario di Sydney. Non ho ancora idea di come potrò utilizzarle, ma almeno ho a disposizione tutti i tipi di pesci e diverse opzioni di scenari e ambienti subacquei per manipolazioni future.

10174778_534443969999905_6590810675623016092_n10270830_545543898889912_4083666341995346241_n10312044_560303934080575_6994751559585292471_n10346656_559275614183407_5483249867919650651_n10371744_557875040990131_3019505410602998961_n1012741_398912283553075_505235373_n1239928_530718337039135_1889743930_n10257849_548387438605558_2382685050007110999_n

Visita il sito web di Jane: www.janelong.com.au & la sua pagina Facebook:Jane Long Photography

(Foto di Jane Long)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...